Latest News

giovedì 12 novembre 2015

TensorFlow, l'intelligenza artificiale di Google è ora aperta a tutti

Grosse novità nel campo dell'intelligenza artificiale: Google ha infatti annunciato il rilascio di TensorFlow, un sistema di machine learning di seconda generazione potenzialmente in grado di rivoluzionare il modo nel quale interagiamo con la tecnologia e, più in generale, con tutto il mondo circostante. 
Big G descrive TensorFlow come "una libreria di software open source per la computazione numerica che utilizza grafici di flusso dei dati". In parole più povere, si tratta di un sistema che permette ad un computer (o anche ad uno smartphone) non soltanto di eseguire una determinata operazione ma anche di capirla, migliorando così col tempo la propria performance.

TensorFlow è un'evoluzione di DistBelief, la prima generazione del sistema, rispetto alla quale promette di essere molto più performante, in particolare grazie alla capacità di realizzare e istruire reti neurali cinque volte più veloci: per chi non lo sapesse, le reti neurali (Neural Networks) sono dei modelli che, con una configurazione simile a quella dei neuroni in un cervello, permettono ad un sistema di mettere le informazioni in suo possesso in relazione fra loro e, per l'appunto, di "imparare". Di fatto, si tratta di ciò che sta alla base degli studi sull'intelligenza artificiale.
"Il machine learning è ancora agli albori, non riesce a fare quello che un bambino di quattro anni fa agevolmente come riconoscere un dinosauro dopo averlo visto in foto un paio di volte", spiega il CEO di Google, Sundar Pichai. "Abbiamo tanto lavoro da fare ma TensorFlow è un buon inizio e ci aiuterà a fare questo lavoro tutti insieme".
Un elemento di particolare rilevanza è rappresentato proprio dalla natura open-source del progetto TensorFlow, che permetterà quindi l'accesso al codice non soltanto ai tecnici di Google ma anche a sviluppatori ed ingegneri di tutto il mondo. Pur se con le dovute differenze, si tratta dello stesso percorso che ha portato al successo di Android, il sistema operativo per dispositivi mobili targato Big G.
"Speriamo che la community che lavora sul machine learning scambi idee più velocemente possibile per accelerare la ricerca", aggiunge Pichai. "TensorFlow è una piattaforma valida non solo per la tecnologia ma è utile anche ai ricercatori che vogliono dare un senso alla loro mole di dati, dalle scoperte sulle proteine a quelle che riguardano l’astronomia".

Parlando in termini concreti TensorFlow, che potrà girare su un computer così come uno smartphone o su un tablet, sarà il primo passo verso dispositivi potenziati dall'intelligenza artificiale, in grado di capire meglio e prima cosa desideriamo. "Solo un paio di anni fa non era possibile parlare a un’app di Google in mezzo al traffico cittadino, leggere un cartello stradale in russo utilizzando Google Translate o trovare immeditamente le immagini del vostro cagnolino in Google Photos", spiega Pichai. "Le nostre app non erano abbastanza evolute e intelligenti per fare tutto ciò, ma in pochissimo tempo sono migliorate moltissimo e, grazie al machine learning, oggi possiamo fare tutte queste cose molto più facilmente e spingerci anche oltre".
Next
Questo è il post più recente.
Post più vecchio
  • Blogger Comments
  • Facebook Comments

0 commenti:

Posta un commento

Item Reviewed: TensorFlow, l'intelligenza artificiale di Google è ora aperta a tutti 9 out of 10 based on 10 ratings. 9 user reviews.
Scroll to Top